Coronavirus, nuove misure restrittive. Niente attività all’aperto e la spesa un solo componente per famiglia

Ancora un altro giro di vite del Presidente della Regione, per fronteggiare l’emergenza contagio da COVID-19. Il governatore della Sicilia, Musumeci, ha infatti firmato l’ordinanza n. 6 del 19 marzo 2020 con la quale, in sintesi, ha ordinato su tutto il territorio regionale le seguenti ulteriori restrizioni in aggiunta a quelle già in vigore in forza delle precedenti ordinanze presidenziali e dei D.P.C.M.:

  • Le uscite per gli acquisti essenziali, ad eccezione di quelle per i farmaci, vanno limitate ad una sola volta al giorno e ad un solo componente del nucleo familiare.
  • E’ vietata la pratica di ogni attività motoria e sportiva all’aperto, anche in forma individuale.
  • Gli spostamenti con l’animale da affezione, per le sue esigenze fisiologiche, sono consentiti solamente in prossimità della propria abitazione.
  • E’ interdetta la fruizione delle aree a verde pubblico e dei parchi-gioco.
  • E’ inibito l’ingresso nel territorio comunale ai venditori ambulanti al dettaglio provenienti da altri Comuni.
  • E’ disposta la chiusura domenicale di tutti gli esercizi commerciali attualmente autorizzati, fatta eccezione per le farmacie di turno e le edicole.
  • I Sindaci, con propria Ordinanza, possono disporre riduzioni dell’orario di apertura al pubblico degli esercizi commerciali, ad eccezione di quelli autorizzati alla vendita di prodotti alimentari e delle farmacie.
  • Nelle rivendite di tabacchi è vietato l’uso di apparecchi da intrattenimento e per il gioco.
  • Nei mezzi del trasporto pubblico urbano è consentito l’accesso ai passeggeri nella misura massima del 40% dei posti omologati e, comunque, garantendo il rispetto della distanza minima di un metro tra gli stessi. Lo spazio riservato ai conducenti dei mezzi deve essere opportunamente delimitato.
  • I Comuni dovranno provvedere alla sanificazione delle strade dei centri abitati, degli edifici adibiti a uffici pubblici e degli edifici scolastici.

Intanto il Ministro dell’Interno Lamorgese ha autorizzato l’impiego dei militari dell’Esercito in servizio in Sicilia, per le pattuglie di vigilanza urbana e nei punti di arrivo dei passeggeri.

Vai ad inizio pagina